Consigliere Regionale del Friuli Venezia Giulia

Vice Presidente del Gruppo Consiliare "Il Popolo della Libertà-FORZA ITALIA"

Vice Presidente della V Commissione permanente

APPROVATA IN COMMISSIONE LA LEGGE DI PREVENZIONE E CONTRASTO AL BULLISMO

13 Aprile 2017
Pubblicato in Comunicati stampa

Un articolo ex novo inserito nella legge 5/2012 sull’autonomia dei giovani che prevede l’educazione alla gestione dei conflitti ed il contrasto al fenomeno del bullismo. E’ quanto è stato deciso nell’ambito della VI Commissione Consiliare che questa mattina ha esaminato il pdl 143 in materia di interventi di contrasto al fenomeno del bullismo.

“Dopo un lavoro congiunto – rileva Rodolfo Ziberna, Vicepresidente del gruppo Forza Italia in Consiglio Regionale e primo firmatario del pdl 143 – abbiamo deciso di non fare una legge a parte, bensì di inserire un articolo ad hoc, il 21 bis, nella legge regionale 5/2012. L’articolo in questione sostiene azioni di rilevazione, prevenzione e contrasto del fenomeno del bullismo in tutte le sue manifestazioni, quindi anche il cosiddetto cyberbullismo”.

“Nello specifico il 21 bis prevede che la Regione sostenga e finanzi progetti ed interventi che abbiano un approccio multidisciplinare, volti all’educazione nelle relazioni umane, al rispetto della dignità delle persone, alla valorizzazione delle diversità, al contrasto a tutte le discriminazioni, nel rispetto del principio di eguaglianza e pari opportunità tra persone, senza distinzione alcuna”.

“In particolare – prosegue l’esponente di Forza Italia – la Regione promuove e sostiene: protocolli d’intesa con i soggetti istituzionali che svolgono un ruolo formativo e culturale nei confronti dei giovani; iniziative di carattere culturale, sociale e sportivo; percorsi educativi, di cooperazione e di partecipazione attiva sull’uso consapevole di Internet e dei nuovi media; corsi di formazione per il personale scolastico, gli operatori sportivi e gli educatori sull’utilizzo consapevole dei media e dei social network; corsi, programmi di assistenza e gruppi di supporto per i genitori; campagne di sensibilizzazione ed informazione rivolte ai minori ed agli adulti anche all’interno delle scuole”.

“Molto importante, poi, il ruolo della Regione nella promozione di azioni informative di sensibilizzazione verso gli ordini professionali per l’attivazione di servizi di consulenza, anche legale, alle persone vittime di fenomeni di bullismo”.

“Finalmente – conclude Ziberna – l’Aula affronta un tema che, purtroppo, è sempre più diffuso tra i nostri giovani. Per questo auspico un’ampia condivisione della norma (che arriverà in Aula a maggio) da parte di tutto il Consiglio Regionale”.

Iscriviti alla newsletter

JoomShaper