Consigliere Regionale del Friuli Venezia Giulia

Vice Presidente del Gruppo Consiliare "Il Popolo della Libertà-FORZA ITALIA"

Vice Presidente della V Commissione permanente

ALTROCHE’ POTENZIAMENTO, IL PRONTO SOCCORSO DI GORIZIA VIENE ULTERIORMENTE SGUARNITO

17 Marzo 2017
Pubblicato in Comunicati stampa

“Secondo l’assessore regionale alla Salute Telesca il Pronto Soccorso di Gorizia è stato potenziato, i tempi di attesa non sono più critici, l’organico è stato incrementato per dare risposte più efficienti alle richieste dei pazienti. Peccato, però, che i fatti la smentiscano su tutta la linea”.

E’ quanto afferma il Vicepresidente del Gruppo Forza Italia in Consiglio Regionale Rodolfo Ziberna che ha presentato un’altra interrogazione sul tema alla presidente Serracchiani ed all’assessore Telesca. Lo stesso Ziberna aveva già depositato un’interrogazione a risposta immediata per denunciare la situazione critica del Pronto Soccorso di Gorizia, dove i pazienti, nonostante l’eroico prodigarsi del personale a disposizione, sono costretti ad attese lunghissime e molto spesso sono seguiti da personale che si sobbarca turni molto stressanti in evidenti situazioni di stress psicofisico.

“Proprio nell’ultima seduta del Consiglio Regionale – rileva Ziberna – l’assessore Telesca mi ha fornito una risposta del tutto insoddisfacente, affermando che al Pronto Soccorso di Gorizia non ci sono criticità e che, anzi, il reparto è stato potenziato. Peccato, però, che, invece, risulterebbe che ben 8 infermieri già in forza ed assunti negli ultimi anni presso il Pronto Soccorso di Gorizia, proprio in questi giorni, siano stati definitivamente trasferiti alla struttura della Centrale Operativa del 112 regionale di Palmanova. Questi infermieri hanno partecipato ad una selezione, nel dicembre 2016, per entrare a far parte dell’EGAS (Ente per la Gestione Accentrata dei Servizi condivisi) e dopo un corso, agli inizi di febbraio 2017, sono risultati vincitori dello stesso ed in questi giorni passeranno definitivamente alla Centrale Operativa del 112 di Palmanova”. 

“Ma non finisce qui, perché ulteriori 4 infermieri, attualmente assegnati alla centrale operativa di Gorizia, non essendo in possesso dei requisiti di abilità al servizio presso il Pronto Soccorso, pur essendo di supporto e grosso aiuto al personale infermieristico, saranno a breve trasferiti, in un luogo non ben definito ed ancora assegnato, ma lontano da Gorizia e dalla centrale operativa in cui prestavano servizio”.

“Delle due l’una: o l’assessore mi ha fornito una risposta senza informarsi bene su quanto sta effettivamente accadendo al Pronto Soccorso di Gorizia, o – prosegue l’esponente di Forza Italia – smentisca categoricamente che il personale ora assegnato ad EGAS, pur non risultando in servizio a Gorizia, viene richiamato (solo durante i fine settimana ed in orari notturni) per dare supporto al personale rimasto e per far apparire che la situazione del Pronto Soccorso sia normale ed invariata dal punto di vista del personale”.

“Smentisca anche che per sopperire alle assenze del personale trasferito in carico EGAS, anziché procedere a nuove assunzioni o ricollocare personale da altri Ospedali, si è preferito inviare, in caso di bisogno, personale infermieristico dall’Ospedale San Polo di Monfalcone in turno supplementare con compenso di 30 Euro l’ora lordo e – conclude Ziberna – che nell’ultimo mese, sempre per coprire il personale infermieristico mancante, sono stati invitati diversi infermieri del Pronto Soccorso di Gorizia a svolgere orari suppletivi straordinari, sempre in turno supplementare, anche a fronte di giorni di ferie che non potevano essere concesse”.

Iscriviti alla newsletter

JoomShaper