NON APRIRE ALTRI CENTRI PROFUGHI A GORIZIA. VANNO SUBITO TRASFERITI!

È in ballo il nostro futuro
 
“C'è un tentativo di aprire ancora nuovi centri profughi a Gorizia. Vengono fatti arrivare in gran numero, in modo tale da superare i posti convenzionati per costringere le istituzioni a cercare ed aprire ulteriori strutture. Anziché bloccare queste persone, che non scappano da paesi in guerra ma da altri stati europei, le si dirotta su Gorizia. Non esiste. Il messaggio deve essere chiaro: a Gorizia non c'è posto. Aprire la Valletta per ospitarne 150 significa che tra un mese se ne aggiungeranno altrettanti e dopo altrettanti ancora. Non lo permetteremo. Chiederò un incontro al Prefetto per manifestare con chiarezza la mia posizione. Basta ipocrisie e falsità da parte di chi alimenta l'arrivo di queste persone che devono essere aiutate a casa loro. Con questa politica si sta destabilizzando la nostra società minando il nostro futuro ma anche quello degli stessi migranti. Basta. Condanniamo chi per ignoranza o speculazione elettorale associa questa migrazione con quella degli esuli giuliano-dalmati o degli italiani all'estero”.

“Ero contento e un po' stupito del fatto che il candidato sindaco del PD, Roberto Collini  concordasse con il sottoscritto sulla chiusura a Gorizia,  della Commissione per richiedenti asilo. Ma, leggendo bene il suo intervento  ho capito che era solo per giustificare la vera proposta, ovvero l'apertura di un nuovo centro profughi. Da quanto si apprende dalla stampa, infatti, Collini afferma che "se non si riuscisse a chiudere la Commissione, si dovrebbe aprire la caserma del Fante ai richiedenti asilo". Ma scherziamo? Con tutto ciò che sta accadendo nei vari centri profughi, anche goriziani ne apriamo un altro? Il gioco del PD è chiaro, si vuole trasformare Gorizia nella città dei profughi ma non ci sono riusciti con Romoli e non ci riusciranno con il sottoscritto. L'unica vera battaglia da fare è quella per bloccare  nuovi arrivi a Gorizia.
E noi la faremo.



Prev Next